1 giorno
1
4 min
1

Come capire le valanghe, i meccanismi che le causano e la valutazione del rischio

Data disponibile:

il 09-01-2021

Dettagli

Le date e il numero dei partecipanti sono confermati
Qualora dovessimo apportare delle modifiche in conformità alle norme per il contenimento della pandemia, ne daremo informazione agli iscritti nonché aggiorneremo le pagine relative all’attività del nostro sito.
Nel caso di annullamento dell’attività a causa degli eventi legati alla pandemia vi garantiamo la riprogrammazione dell’attività stessa in altra data o il rimborso della quota versata.

DETTAGLI

A differenza di un corso, che offre una panoramica completa delle attività e problematiche della disciplina, durante uno stage affronteremo un argomento specifico.
E’ un approfondimento a tema ed ha l’obiettivo di sviscerare tutti gli aspetti e particolarità più nascosti, ma non meno importanti, dell’argomento trattato.
L’oggetto dello stage può essere specifico per una disciplina ma più spesso riguarda più pratiche dell’alpinismo.
Basti pensare al recupero della cordata (utile in roccia, alta montagna, cascate, …) o allo stage Artva o neve e valanghe (fondamentale nello sci alpinismo come anche in tutte le attività invernali).

Quali sono le conoscenze base per riconoscere le potenziali situazioni valanghive? Come avere delle risposte, o più correttamente come poter capire quali siano le giuste domande che ci si deve porre per non essere coinvolti in una valanga?

Valanga provocata sul tetto di una baitaNon è facile… La materia ‘neve’ è estremamente complessa e variabile e non potremo avere certezze, ma un metodo di valutazione è comunque possibile, necessario, fondamentale.
Frequentare la montagna in inverno, sia praticando Scialpinismo, freeride, ciaspole, salite invernali o cascate di ghiaccio richiede delle conoscenze diverse rispetto a quelle necessarie per le nostre attività estive. La neve copre e modifica tutto l’ambiente, nasconde i sentieri e trasforma semplici pendii in trappole pericolose.

Come riuscire a riconoscere le situazioni a rischio? Come prevedere, o almeno ridurre al minimo il rischio?
Senza dubbio dotarsi e saper utilizzare correttamente Artva, pala e sonda è quanto ci può venire in aiuto nel caso ci trovassimo coinvolti in un incidente da valanga.
Ma ancor più importante è riuscire a valutare correttamente le situazioni e i pericoli durante le nostre uscite.

La neve, la sua trasformazione, il vento, le temperature influiscono con mix piuttosto complessi nella stabilità del manto nevoso. Quando questa risulta compromessa, ad esempio con il passaggio di uno sciatore, potremo assistere a fenomeni valanghivi.

Questo corso fornirà gli elementi per iniziare a comprendere questo variegato e difficile puzzle del manto nevoso e della sua stabilità.
E’ rivolto sia ai neofiti che affrontano per la prima volta questi argomenti come anche a chi, più esperto, desidera approfondire i concetti chiave, cause delle valanghe.

Stage Artva, lezione al rifugio Gilberti
L'utilizzo della sonda Battage spiegato durante il corso neve e valanghe
L'analisi del manto nevoso durante il corso di neve e valanghe
La compilazione del modello per redigere il profilo del manto nevoso durante il corso neve e valanghe

La località che prediligiamo è la conca del Rifugio Gilberti che offre un’area ideale per le nostre prove ma anche un riparo per la parte teorica.

Non è necessario possedere alcun allenamento o conoscenza particolare e non servono attrezzature specifiche (sci da scialpinismo, ciaspe, ramponi, …) in quanto ci muoveremo a piedi.

Condizioni

CONDIZIONI

RITROVO

Sella Nevea

ABBIGLIAMENTO E ATTREZZATURA

Vestiario adatto alle escursioni invernali (si consiglia un piumino)

RAPPORTO

1 : 5

INCLUSO NEL PREZZO

Artva, pala e sonda (qualora sprovvisti)

Eventuali ciaspe (qualora necessarie)

Tutti i costi della Guida Alpina

Servizi di Guida Alpina

Assicurazione recupero e soccorso

NON INCLUSO

Trasferimenti

Risalita con gli impianti

Assicurazione personale, infortunio, annullamento viaggio, smarrimento bagaglio (consigliata)

Tutto ciò che non è specificato alla voce ‘incluso nel prezzo’

Itinerario

PROGRAMMA

Di seguito il programma di massima che seguiremo durante la giornata del corso.

Ritrovo

Ritrovo a Sella Nevea

Verifica dei materiali individuali e di sicurezza e distribuzione materiali comuni

Attività

Lo stage si dividerà in più momenti

Parte teorica nei locali del Rifugio Gilberti
Affronteremo i temi legati alla teoria della neve, del suo metamorfismo e della stabilità del manto.
Con l’ausilio di strumenti informatici illustreremo i concetti principali fino a entrare nel dettaglio dei singoli temi.
Sarà l’occasione per apprendere con precisione quali siano i meccanismi che determinano l’instabilità degli strati e il rischio che ne consegue.
Concluderemo la parte teorica comprendendo nel particolare la scala di valutazione del rischio valanghe e le informazioni che il bollettino nivo-meteorologico offre

Parte pratica nella conca nei pressi del Rifugio Gilberti
Avremo la possibilità di cogliere dall’ambiente circostante quali siano i siti più a rischio commentandoli dal vivo
Identificato un sito rappresentativo e sicuro, proseguiremo quindi con la realizzazione di una stratigrafia con prove pratiche nell’individuazione dei singoli strati all’interno del manto, del riconoscimento dei diversi cristalli di neve per ogni strato, e ulteriori indagini come temperatura, umidità, …
Seguiranno infine i test di stabilità e di scivolamento

Conclusioni

L’attività avrà termine nel tardo pomeriggio.
Ci saluteremo davanti a una birra e coglieremo l’occasione per scambiarci qualche idea per i programmi futuri

Gli argomenti di massima che affronteremo durante queste giornate saranno i seguenti

Parte teorica

Precipitazione e manto nevoso, tipi di cristalli, metamorfismo costruttivo, distruttivo e da fusione

Il vento, la temperatura, l’umidità, il sovraccarico

La stabilità del manto nevoso

Valanghe a lastroni e a debole coesione, di fondo, di superficie e di neve polverosa

Scala di valutazione del rischio valanghe e bollettino nivo-meteorologico regionale

Parte pratica

Osservazione dell’ambiente con individuazione dei pendii a rischio

Test con sonda penetrometrica, test della mano

Analisi stratigrafica con riconoscimento dei singoli cristalli, temperatura, umidità e peso

Test della pala – ECT Extended Column Test

Test della sega PST Propagation Saw Test

Blocco di scivolamento – RB Rutschblock Test

Materiali

MATERIALI

Di seguito troverete l’indicazione per i materiali necessari.
La scelta che dovrete fare per il vestiario dipenderà dalle previsioni meteo e dall’attività scelta.

Apri la lista completa

Materiali Salite Invernali

Luogo

LUOGO


Sella Nevea – Rifugio Gilberti
Gallery
Condividi

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI

1 giorno
1
4 min
1

Come capire le valanghe, i meccanismi che le causano e la valutazione del rischio

Data disponibile:

il 09-01-2021

Identificazione degli strati nel manto nevoso durante il corso di neve e valanghe

Recensioni dell'attività

Non ci sono ancora recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.